Seven IT, in collaborazione con Poste Italiane, ha sviluppato e realizzato SI.POST, una nuova piattaforma software per la gestione centralizzata della corrispondenza e dei servizi di comunicazione. Si tratta di un sistema aperto, facilmente interfacciabile e predisposto ad essere integrato molto semplicemente con le procedure aziendali. Permette di gestire il workflow di spedizione documentale in maniera semplice e organizzata, risparmiando tempo e risorse. La corrispondenza viaggia di fatto dematerializzata sino alla transazione con i sevizi online di Poste Italiane, ove quest’ultima provvederà direttamente alle operazioni di stampa, imbustamento e postalizzazione. Vai alla pagina SI.POST    
Office 365 e Yammer sono la soluzione ideale per quanto riguarda il social networking aziendale e la crescita della propria azienda. Il mondo si muove velocemente. Il cambiamento è la nuova costante. Le nuove tecnologie creano nuove soluzioni. Grazie ad Office 365 e a Yammer le aziende trasformano il modo di collaborare tra le persone. Yammer, integrabile a diversi livelli in Office 365, è nato per far sì che le informazioni in azienda circolino in modo naturale come accade nei flussi di comunicazione privata, aiuta le aziende a trovare nuovi modi di ascoltare, adattarsi e crescere funzionando come una rete. Più di un repository di contenuti, è un luogo dove i team possono discutere degli aspetti di un progetto, condividere idee, offrire commenti, prendere appunti insieme, esaminare gli stessi documenti, collaborare su file, gestire complesse operazioni di logistica e altro ancora. E’ un sistema aperto per natura, facilita la connessione della forza lavoro distribuita, accelera la risposta alle domande in una community con feed aperti e, soprattutto, incoraggia unità e innovazione perché permette alle persone di imparare, condividere, essere ascoltati, essere operativi in tempi brevi e prendere decisioni più mirate per essere sempre produttivi ovunque. Yammer offre una vista unica su diversi team per cui è possibile gestire più progetti e condividere le competenze all'interno di tutta l'azienda e consente di trovare e passare da un gruppo di progetto all'altro con estrema facilità. Inoltre è possibile estendere la collaborazione oltre la propria organizzazione invitando membri esterni dei progetti, come clienti e fornitori, a partecipare alle conversazioni in modo che possano dare il proprio contributo e avere accesso alle informazioni di cui hanno bisogno. Office 365 e Yammer hanno modificato radicalmente il modo di lavorare dentro e fuori l’azienda.Oggi si lavora con i più svariati dispositivi, da diverse ubicazioni spesso in aree geografiche e fusi orari diversi, a velocità elevatissime e i team devono essere in grado di soddisfare rapidamente qualunque esigenza ed agire nel modo più semplice possibile. L’esigenza di un’esperienza coerente, fluida e immediata quindi, accomuna tutti. E’ necessaria una rete di persone per seguire una rete di clienti nel mondo iper-collegato e in continua evoluzione e grazie all’unione di Office 365 e Yammer, ogni azienda può ascoltare, adeguarsi e crescere alla velocità di un mondo collegato in rete.  Fonti:https://about.yammer.com/http://success.office.com/it-it/get-it-done
L’azienda modenese produttrici di forni ed impianti per l’industria ceramica si affida ai nostri servizi di consulenza sistemistica da prima con un progetto di evoluzione della propria infrastruttura IT, quindi scegliendo il nostro contratto mensile e affidandoci la gestione del proprio reparto IT.
L’importante azienda di San Martino in Rio si affida ai nostri servizi di sviluppo software per un progetto di “Innovation Area Vendite” grazie al quale sarà realizzato un applicativo per la gestione commerciale completamente integrato con SHAREPOINT.
L’azienda specializzata in acciai per imballaggio si avvale del nostro servizio di consulenza sistemistica  e ci affida un importante progetto di migrazione da exchange 2007 a exchange 2013 on-premisis.
San Francisco - Tra le molte novità annunciate durante il Build 2015, il progetto Microsoft Continuum potrebbe essere una delle più interessanti. L’idea è quella di rendere Windows 10 una piattaforma che si adatta al modo in cui utilizziamo il nostro dispositivo e che potrebbe trasformare ogni tablet o Windows Phone in un computer desktop. Rispetto al concetto di continuità Apple, che punta a rendere indolore il passaggio tra laptop, tablet e smartphone, Continuum vuole far sì che sia il device ad adattarsi al tipo di utilizzo, modificando la sua interfaccia in base a ciò che serve in quel momento. L’idea nasce pensando ai laptop convertibili che possono diventare tablet staccando la tastiera, come Surface, gli Asus Transformer e altri dispositivi simili, ma esprime la massima potenzialità nella sua versione per smartphone. In una demo sul palco, Joe Belfiore di Microsoft ha connesso uno smartphone a un monitor, una tastiera e un mouse bluetooth utilizzandolo come fosse un vero e proprio computer, modificando file Excel e presentazioni Powerpoint. La parte più interessante è che il telefono ha immediatamente adattato la sua interfaccia ai nuovi sistemi di controllo. Nel caso in cui dovessero mancare mouse e tastiera, potranno essere simulati dal telefono stesso. Continuum è un software capace di adattare l’interfaccia del sistema operativo all’interno del PC a seconda di dove quest’ultimo viene utilizzato, trasformando un comune smartphone in un vero e proprio PC portabile aumentandone notevolmente la produttività. Continuum for Phone sarà capace di attivare funzioni più avanzate nell’interfaccia semplicemente collegando uno smartphone a un mouse e una tastiera Bluetooth e a un monitor o a un TV tramite HDMI, e potremo avere la stessa user experience che avremmo stando di fronte a un PC o a un notebook, con la differenza però di avere di fronte uno schermo molto più grande e di utilizzare unicamente uno smartphone come base hardware e software. L’interfaccia non è proprio identica a Windows 10 per PC, ma grazie alla Universal Windows Platform e alle Universal App la differenza è veramente minima, soprattutto per la versione mobile di Office, i contenuti presenti sullo smartphone si adatteranno alla perfezione alle dimensioni dello schermo esterno e, a livello di input, il mouse e la tastiera permetteranno di interagire con le app dello smartphone come si farebbe con un normale PC.. Belfiore ha dichiarato che questa funzione dà ovviamente il meglio di sé con le app che sono in grado di scalare le proprie dimensioni in base allo schermo, una possibilità che dipende dallo sviluppatore e non da Continuum, per questo Microsoft rilascerà un tool per Developers che permetterà tutto ciò. Un’altra caratteristica potenzialmente molto interessante di Microsoft Continuum è quella del dual screen. In questo modo ciò che viene mostrato sullo schermo non deve necessariamente corrispondere a ciò che si vede sul monitor, sarà possibile rispondere a una telefonata sullo smartphone (o effettuarne una), mentre sul monitor esterno rimane la schermata con i contenuti su cui stavamo lavorando. Continuum non si limita a clonare su un monitor quello che vediamo sul display dello smartphone, ma permette di avere due schermate distinte e questo lascia presagire svariati e interessanti utilizzi di questa nuova funzione. Questo potrebbe radicalmente cambiare il concetto di lavoro in mobilità. In futuro per fare piccoli ritocchi a una presentazione o a un foglio di calcolo basterà che nell’ufficio del vostro cliente siano presenti uno schermo, un mouse e una tastiera, senza dover neppure mettere mano al portatile. Si potrebbe addirittura ipotizzare un ufficio in cui i computer vengono rimpiazzati dai telefoni, così da poter avere sempre con sé i documenti di lavoro (magari appoggiandosi ai server Azure per la Cloud).  Continuum tuttavia è una funzione pensata per dispositivi del futuro nativi con Windows 10 Phone e con un hardware potenziato, quindi tutti gli attuali smartphone windows phone che in estate saranno aggiornati a windows 10 phone, non potranno usufruire di quest’incredibile e funzionale possibilità a causa dei limiti dal punto di vista hardware che ne impediscono il corretto funzionamento.   Fonti:http://www.wired.it/mobile/smartphone/2015/04/29/continuum-windows-for-phones-smartphone-diventa-pc/?utm_source=facebook.com&utm_medium=marketing&utm_campaign=wired http://www.cwi.it/microsoft-continuum-lo-smartphone-diventa-pc_4275115/ http://focustech.it/microsoft-continuum-windows-10-telefono-pc/71626/

Contatti


© 2014 Seven It s.r.l. - Via Fratelli Cervi 169/S | 42124 Reggio Emilia - Italy | Tel. 0522 175 14 98

Cap.Soc. € 50.000,00 i.v. – R.E.A n. 277572 - C.C.I.A.A. RE - Partita Iva 02396140358