Con l’impatto del nuovo regolamento sulla privacy GDPR applicabile a partire dal 25 maggio 2018, le aziende si stanno attivando per recepire tutte le novità e per affrontare con consapevolezza il cambiamento.

La corsa contro il tempo spinge sempre di più l’adozione di servizi Cloud come Office 365, Dynamics 365 ed Azure a discapito dei servizi on – premise, assicurando così una protezione continua delle informazioni e dei dati personali sensibili.

Tra le soluzioni, una in particolare viene in soccorso agli utenti quando si tratta di rispetto delle normative: Office 365 ha deciso di facilitare il cambiamento in divenire; da qualche giorno è disponibile in Global Availability il Compliance Manager della piattaforma, il portale che aiuta a verificare o migliorare lo stato delle conformità verso norme e regolamenti.

La soluzione offre, dopo una prima revisione generale dei contenuti, un punteggio per il grado di legittimità ed una serie di task per una lettura più operativa delle norme ed un più attento rispetto delle stesse.

Una Cloud Solution, sempre più moderna ed avanzata, che pone al centro dei suoi servizi gli interessi degli utenti.